Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Patriarca di Venezia’ Category

Mons. Francesco Moraglia all'istituzione dell'adorazione eucaristica perpetua alla Spezia (22 gennaio 2012)

Mons. Francesco Moraglia all’istituzione dell’adorazione eucaristica perpetua alla Spezia (22 gennaio 2012)

«Stare tutti in silenzio prolungato davanti al Signore presente nel suo Sacramento è una delle esperienze più autentiche del nostro essere Chiesa. Le veglie eucaristiche preparano la celebrazione della Santa Messa, preparano i cuori all’incontro, così che questo risulta più fruttuoso. Per comunicare veramente con un’altra persona devo conoscerla, saper stare in silenzio vicino a lei, ascoltarla, guardarla con amore».

Le parole di Benedetto XVI per il Corpus Domini 2012 rivelano il valore e la grazia per la nostra città dell’adorazione perpetua, istituita il 22 gennaio scorso presso la cappella del Crocifisso nella chiesa di Santa Maria Assunta da monsignor Francesco Moraglia, ora patriarca di Venezia.

(altro…)

Read Full Post »

Sacerdori novelli. Don Fabrizio Ferrari, don Andrea Cappelli e don Paolo Aluisini

Con i suoi ventiquattro anni, don Fabrizio Ferrari, di L’Ago, frazione di Borghetto Vara, è il più giovane sacerdote spezzino.

«In questo momento, le persone vedono in me la giovinezza – dice ad Avvenire Spezia7. Ma che molti hanno comunque la consapevolezza che davanti al sacerdote sono davanti al Signore. Si fidano, si aprono. Questa è una grande responsabilità, che comporta un continuo esame di coscienza. Perché le persone si aspettano tanto: la Sua parola, non quella di un uomo. L’ho notato sin dai primi incontri da sacerdote e dalle prime confessioni».

(altro…)

Read Full Post »

Il patriarca Moraglia ordina don Paolo Aluisini, don Andrea Cappelli e don Fabrizio Ferrari (da sinistra nella foto)

«Sulla vocazione, io sono uno di quelli che ha lottato. All’inizio ho detto di no al Signore, spaventato, perché non volevo lasciare la famiglia, le prospettive di vita».

Inizia così il racconto della sua vocazione don Andrea Cappelli, trentacinquenne senese ordinato sacerdote alla Spezia il 23 giugno dal patriarca Moraglia e ora vice-parroco a Sarzana, nella concattedrale di S. Maria Assunta.

«A diciott’anni mi si presentò il pensiero del sacerdozio, ma lo scacciai. Poi la facoltà di legge dell’Università mi mandò a Roma per un corso di specializzazione. E A Roma si avverte la presenza del Papa. Abitavo in un collegio ecclesiastico. Rimasi affascinato dalla realtà della Chiesa, che copre tutti i popoli.

(altro…)

Read Full Post »

Sacerdote novello. Don Paolo Aluisini

«Desidero che attraverso il mio sacerdozio possano crescere nuove vocazioni. Vorrei che non passassero più di dieci anni. E che fossero numerose».

Ha le idee chiare, don Paolo Aluisini, trentenne, di Santo Stefano Magra, ordinato sacerdote lo scorso 23 giugno dal patriarca di Venezia Francesco Moraglia.

E dove è stato mandato, a San Giovanni Battista, Migliarina, come vice-parroco, è già stato accolto con grande affetto.

(altro…)

Read Full Post »

Il patriarca Moraglia con i sacerdoti novelli don Paolo Aluisini, don Andrea Cappelli e don Fabrizio Ferrari

Grande festa in diocesi per l’ordinazione sacerdotale di don Paolo Aluisini, don Andrea Cappelli e don Fabrizio Ferrari. A presiedere la celebrazione eucaristica, è giunto da Venezia il patriarca Francesco Moraglia, il cui ritorno è stato accolto con calore da una cattedrale affollata come non mai.

«In un contesto di secolarizzazione diffusa, viene spontaneo chiedersi: cosa spinge un giovane a lasciare tutto e farsi prete?» ha chiesto il patriarca nell’omelia.

(altro…)

Read Full Post »

L'omelia del Patriarca Francesco Moraglia (da: sacrissolemniis.blogspot.com)

«Ti abbiamo tanto atteso: ora sei con noi ed è una grande gioia. Sii benedetto, per il Fiat con cui hai risposto alla chiamata del Signore, che ti vuole padre di questa Chiesa.

Come Abramo, anche tu sei partito, lasciando le persone più care, per una strada che non conoscevi e per una patria che non è la tua».

Così, con voce dolce e sicura, il patriarca emerito Marco Cè ha salutato monsignor Moraglia, “patriarca dei due mari”, che domenica ha preso possesso della cattedra di san Marco.

(altro…)

Read Full Post »

«i campanili, le chiese e in genere i luoghi di culto, segnando il profilo urbanistico della città, avvertono col loro semplice “esserci” che la città e quanti la abitano devono considerare la politica non come un assoluto, ma come tentativo di attuare le relazioni sociali secondo l’interesse generale; la politica è strumento, mai fine.

La politica diventa strumento della società civile per organizzare il bene comune; niente di meno e niente di più; la politica è mezzo che va riconosciuto anche nei suoi limiti; infatti, se la politica si ponesse come realtà in grado di fondare i valori ai quali, invece, essa deve servire – iniziando a riconoscerli come tali -, si tratterebbe di una pessima politica.

Proprio una tale politica, non più intesa come mezzo ma come fine, nel corso del XX secolo ha prodotto i noti regimi dittatoriali che, nel loro comune atteggiamento contro l’uomo, rimangono monito costante per comprendere che, oltre la politica, e prima di essa, ci sta l’uomo, soggetto originario di diritti inalienabili non trasferibili e non trattabili».

S.E. Mons. Francesco Moraglia
In occasione del conferimento della cittadinanza onoraria, La Spezia, 15 Marzo 2012

Il servizio e la relazione integrale su Cronaca4:

http://www.cronaca4.it/cronaca/francesco_moraglia_un_nuovo_concittadino_video.htm

Read Full Post »

Older Posts »